Moncler Quilted Knit Jacket

E il mio adorato liceo, il Majorana di Moncalieri, aveva questa magia di essere in un punto strategico della periferia torinese, raccogliendo ragazzi di Nichelino, di Trofarello, di Moncalieri, e della collina benestante. Questo strano mix ha permesso a tutti di arricchirci molto di pi dal punto di vista umano, che poi la vera ricchezza: abbiamo capito subito che il mondo era complicato, che era diviso, ma che noi potevamo fare qualcosa per renderlo pi magico. Non so se ci siamo veramente riusciti, ma ci abbiamo provato..

L’azienda ha però smentito. Un giorno dopo una coppia di cristiani, nel senso di credo, comunque povera gente, è stata spiumata con il fuoco in Pakistan. E nessuno ha fatto un plissé. Vedi: le t shirt con gli slogan in stile Emma Watson che da Harry Potter passa a Simone de Beauvoir (We should all be feminists, titolo di un saggio dell’attivista nigeriana Chimamanda Ngozi Adichi) ma ancor di più Dio(r)evolution. Vedi: l’elastico e il nastro “parlato” con il nome del brand, non esattamente una gag da maison sofisticatissima. Sono dirette discendenti dalle trovate di John Galliano le magliette con su scritto J’adore Dior che nei primi anni 2000 hanno venduto a carrettate.

Le occasioni, quelle vere, si trovano nei negozi plurimarca, che vendono anche i prodotti di lusso famosi ma non Attenzione, per la fregatura sempre dietro l’angolo. Bisogna avere un fiuto incredibile ed essere cos aggiornati sulle tendenze da non farsi rifilare capi e accessori degli anni passati. Non c’ rischio, quindi, per le fashion victims dal portafogli un po’ sguarnito ma con la voglia irrefrenabile d’essere Quelle pi i giri per saldi se li fanno in provincia dove il griffato assicurato e lo sconto, fuori dai circuiti sotto i riflettori, magari un po’ pi alto.

Proibite rigorosamente le imitazioni. Un trend diffuso tra i giovani ed espressione di un passaggio sociale e politico. Ma la griffe era la parte più importante dell’abbigliamento. vero, non è tutta italiana, anzi è franco svizzera italiana, è una public company vera con oltre 200 investitori istituzionali, è quotata anche negli Stati Uniti e Francia, ed è sicuramente più una rara avis nel panorama industriale nazionale che una specie comune. L’azienda di semiconduttori ST è leader globale nei semiconduttori e fornisce prodotti e soluzioni intelligenti ed efficienti dal punto di vista del consumo di energia, che danno vita ad applicazioni elettroniche di uso quotidiano. I prodotti ST sono oggi dappertutto e saranno ancora più diffusi domani perché renderanno sempre più intelligenti le automobili, le fabbriche, le città e le abitazioni.

Lascia un commento